Perché a me?

“Perché a me?” La storia di Raffaella incomincia con questa domanda, vorrei raccontarvi la sua storia così uguale e cosi diversa da quella di tutte voi, ma a rimanermi impresso nella mente è quel “perché a me”. Una domanda che racchiude assieme uno svelamento e un mistero, la domanda che spesso ci suona nella mente…

Continua a leggere Perché a me?

Non perdono

Michael Cheval (1966, Russian-born American) Non mi interessa cosa fa, dove si trova, se è felice o meno con la sua nuova compagna, se ne ha una. Non mi chiedo mai se pensi a me, non pronuncio mai il suo nome e quando salgono dei ricordi, quelli inevitabili intrecciati alla tua vita, quelli che non…

Continua a leggere Non perdono

Io resto composta.

Mi chiamo Maria, ho 37 anni compiuti da poco, ti scrivo perché il Covid-19 spaventa anche me. Ho paura anche se non guardo i telegiornali, se dove vivo non arrivano i quotidiani e tutto quello che so è un rimando di opinioni, pezzi di telegiornale alla domenica, qualche notizia letta sul web. Ho paura ma…

Continua a leggere Io resto composta.

Narrazioni del Futuro

Paolo Jedlowski le chiama “memorie del futuro” quando ci dice che nella memoria si apre un orizzonte di possibilità, di possibili “futuri” dei quali ritroviamo le tracce raccontando un “altra” storia. A volte mentre vi ascolto, il vostro racconto, i vostri occhi, il vostro tono di voce, sta delineando dei nuovi inizi, delle nuove strade…

Continua a leggere Narrazioni del Futuro

festivàl

In questi giorni, in molti stanno prendendo posizione, rispetto a due temi molto importanti che hanno riguardato il Festival della bellezza che si terrà a Verona a partire da oggi. Michela Murgia, ha sottolineato come ancora una volta le donne, sono tenute fuori dai salotti del sapere, infatti per parlare di bellezza al festival i…

Continua a leggere festivàl

Il tuo passo

Mi sveglio è c’è la tua email, sono le 6.30 del mattino, i miei occhi ancora fanno un po’ fatica a mettere a fuoco, ma le tue parole mi fanno tirare su dal letto in fretta. Mi hai scritto un pezzo di te e questo merita la mia attenzione subito, perché assieme condividiamo la difficoltà…

Continua a leggere Il tuo passo

L’ora del caffè

Marta vuole buttarsi in nuovi progetti, e ci sono giorni che quasi dimentica tutto quello che le cammina dietro, le giornate le scorrono addosso e a sera le sembra quasi di avere un altro nome. “Si può ricominciare , io l’ho fatto” mi dice, ed io le credo, eppure alla domanda come stai, il viso…

Continua a leggere L’ora del caffè

Così si fà.

Una donna ad una altra donna: è l’uomo che da la discendenza quindi il cognome lo da lui. Risposta: Perché? non ti sembra che uomo e donna abbiano pari diritti? Una donna: si sono uguali ma è l’uomo che da la discendenza. Avrei potuto chiedere nuovamente perché, avrei potuto spiegare che le cose possono cambiare,…

Continua a leggere Così si fà.

Lock-Down

“Dal momento che alla donna è stata riconosciuta nel campo politico la piena eguaglianza col diritto di voto attivo e passivo, ne consegue che la donna stessa dovrà essere emancipata dalle condizioni di arretratezza e di inferiorità in tutti campi della vita sociale, e restituita ad una posizione giuridica tale da non menomare la sua…

Continua a leggere Lock-Down