La mia storia

La violenza non è un fatto privato

IO mi racconto

Il mio nome è Francesca, e sono stata per due volte vittima di violenza domestica. Un giorno durante una conversazione mi è stato chiesto: “quale è la domanda che più teme una vittima di violenza domestica?”. E io conoscevo bene la risposta: “Perché sei restata?”. Mi è subito stato chiaro in quel momento come una sola domanda avesse completamente cancellato quella che sentivo, come guadagnata sul campo, la mia identità di vittima. Poche parole con cui la responsabilità non è più del soggetto violento, ma automaticamente tua, perché ”hai scelto di restare”, o almeno questo è quello che tutti pensano quando ti racconti.  Credo che non sia molto diverso dal chiedere ad una donna vittima di uno stupro, come fosse vestita. Io ero vestita di paura e di terrore.

Non mi sento migliore perché a differenza di qualcuno, ho denunciato, ho detto no, ho detto basta. Perché per quel no e quel basta sono passata attraverso molte difficoltà e rinunce, sono passata sotto un ponte che sembrava il mio abisso, e non so come ho trovato il modo di sopravvivere.

Un giorno ho deciso che la violenza non è un fatto privato di cui vergognarsi e mi sono anche chiesta, quando un giorno ad una presentazione, si doveva dire il proprio nome e qualcosa di se, Chi sono le donne del dopo? Perché di loro spesso non si parla, eppure l’identità frammentata di queste donne trema di fronte a domande dirette, si trascina cercando un riscatto, che troppo spesso non arriva, a volte rimane frammentata in angolo di dolore.

A queste donne, a me a te, ad Arianna, Giovanna, Antonia, Silvia, a voi donne del dopo io lascio una frase di Lea Melandri:

La parola libertà, per esempio, si modifica sensibilmente, quando si scoprono le tante “Illibertà” che ci portiamo dentro.

La violenza non è un fatto privato, se anche tu hai delle emozioni da urlare, questo è uno spazio protetto dove le parole prendono forma e significato.

Visita la pagina Contatti o Scrivimi: ledonnedeldopoblog@gmail.com

Alla pagina BLOG troverete i miei articoli

Anna Kołakowska la mia scelta.

La storia che vi voglio raccontare ha il nome di Anna Kołakowska, Anna vive a Cracovia una citta polacca, la Polonia in questi giorni è al centro di dibattito per una legge che viola il corpo di donna e con esso il diritto alla libertà di scelta. Il 22 ottobre di questo anno la Corte…

Narrazioni del Futuro

Paolo Jedlowski le chiama “memorie del futuro” quando ci dice che nella memoria si apre un orizzonte di possibilità, di possibili “futuri” dei quali ritroviamo le tracce raccontando un “altra” storia. A volte mentre vi ascolto, il vostro racconto, i vostri occhi, il vostro tono di voce, sta delineando dei nuovi inizi, delle nuove strade…

festivàl

In questi giorni, in molti stanno prendendo posizione, rispetto a due temi molto importanti che hanno riguardato il Festival della bellezza che si terrà a Verona a partire da oggi. Michela Murgia, ha sottolineato come ancora una volta le donne, sono tenute fuori dai salotti del sapere, infatti per parlare di bellezza al festival i…

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: